Acqua di rose, rimedio che ringiovanisce e porta benessere alla pelle

Acqua di rose, rimedio che ringiovanisce e porta benessere alla pelle

Acqua di rose, rimedio che ringiovanisce e porta benessere alla pelle

L’acqua di rose, un antico segreto di bellezza , un Elisir che racchiude in sé preziose proprietà per il benessere della pelle. Usata per preparazioni cosmetiche pure ma anche nella preparazione di alcuni cibi, quest’acqua, trova largo impiego in India e nei paesi arabi. Conosciuto come idratante e rimedio naturale antinvecchiamento per la pelle, questo elisir, viene usato anche come tonico.

Acqua di rose, come si prepara

Preparazione semplice, trattasi di infuso di petali di rose. La soluzione, dipende dal tipo di rosa da cui si prendono i petali per l’infuso. Le varietà di rose più ricercate per la produzione dell’acqua di rose arriva dal Medio Oriente ed è il tipo “damascena”. Buona diffusione ha anche la rosa “centifolia”.  Per una preparazione domestica, possiamo procurarci mezzo litro di acqua distillata, un contenitore in vetro sterilizzato, mezzo chilo di petali di rosa color rosa o rossa. Mettere petali e acqua distillata in una pentola, portare a bollore, coprire con il coperchio e lasciare su fuoco basso per un quarto d’ora. A fine tempo, spegniamo il fuoco, aggiungiamo sette/otto gocce di olio essenziale di rosa. Lasciando coperto, facciamo riposare l’infuso per circa un’ora, quindi filtriamo e versiamo nel contenitore sterilizzato.

Uso dell’acqua di rose

Tonica e idratante, è un ottimo rimedio naturale per pelli secche, quelle del viso in modo particolare. Anche le pelli sensibili e quelle con acne, traggono grande giovamento dall’uso di questa delicata acqua, pulisce la pelle grassa in profondità aiutando la regolazione di sebo. Ricca di vitamina C e E, contrasta gli effetti dell’invecchiamento cutaneo contrastando efficacemente i radicali liberi.

Acqua di rose, rimedio che ringiovanisce e porta benessere alla pelleultima modifica: 2017-05-30T11:34:19+00:00da rickyapple
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento