Ginko Biloba memoria di ferro

Che il Ginko Biloba abbia effetti positivi sulla memoria è oramai cosa risaputa. Migliora l’1d64fa489c06b668f455004af11a4383.jpgafflusso del sangue al cervello e della circolazione sanguigna. Uno studio dell’Università della California di Los Angeles, dopo aver fatto uso di un’innovativa tecnica, la tomografia a emissione di positroni, ha confermato in toto quanto si qui risaputo.
Ad un gruppo di persone aventi un deficit di memoria acclarato, è stato somministrato per circa sei mesi, un concentrato di erbe a base di Ginko Biloba. Contemporaneamente ad un altro gruppo avente lo stesso tipo di problema, è stato invece dato un placebo (sostanza priva del principio attivo). Dopo il periodo di prova, il gruppo che asumeva il Ginko, ha avuto miglioramenti importanti per quanto riguarda la capacità di ricordare. Mentre in coloro che avevano assunto il placebo, non si è registrata alcuna variazione degna di nota.
Vecchio di oltre 250 milioni di anni, il Ginko Biloba, cresce nella sua qualità più eccelsa, in Cina e in Giappone. Dell’effetto benefico sulla circolazione periferica si è già detto, il Ginko Biloba trova applicazione anche come efficacissimo antiossidante e libera l’organismo dai tanto temuti radicali liberi contribuendo con ciò a mantenere un cervello in piena efficienza e ad allontanare l’invecchiamento. È ottimo anche per proteggere le vene, le arterie e i capillari aiutandone il tono, l’elasticità e prevenendo eventuali danni ad essi associati. Si raccomanda di non usare contemporaneamente ad aspirina, vitamina E ed altri coagulanti.
Ginko Biloba memoria di ferroultima modifica: 2008-06-18T10:10:00+02:00da rickyapple
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento