Felicità, occhio alla scala valori.

Oggi in Pnl e dintorni ci occupiamo di un argomento che nelle varie discipline di miglioramento personale, ècc5e5eabce6b3e27509159c6198cd0c4.jpg sempre trattato con particolare cura. Parliamo di valori.

Ogni sistema degno di questo nome per poter esistere ha bisogno di coerenza. Ogni società per poter progredire ha bisogno di attenersi alle regole che si è data. Così, anche l’uomo per sentirsi pienamente soddisfatto e felice, ha bisogno di vivere coerentemente con quelli che sono i propri valori.

In ognuno di noi esiste una scala, una gerarchia di valori. Agire in accordo con queste regole significa essere pienamente soddisfatti del proprio comportamento. Se in ambito lavorativo vi trovate ad ottenere ottimi risultati e nonostante ciò, quello che sentite è niente altro che malinconia, è perché probabilmente avete un conflitto interiore generato dalla contrapposizione di due valori.

 

Cosa sono e cosa rappresentano i valori?

I valori sono un insieme di regole, convinzioni e credenze di fondamentale importanza circa ciò che riteniamo giusto o sbagliato, bene o male, utile per la nostra sopravvivenza. I valori ci guidano quotidianamente nelle nostre scelte, dal lavoro alla compagna di vita, dall’auto che possediamo al rapporto con gli amici fino all’educazione dei figli,  tutto è definito in relazione a quelli che sono i nostri principi organizzativi.

 

La scala dei valori si forma fin dai primi anni della nostra vita. L’ambiente e le persone con le quali abbiamo più frequentemente a che fare sono i nostri fornitori ufficiali dei primi valori. Gli educatori, gli allenatori e magari qualche prete sono altri soggetti che possono trasmetterci qualche valore più o meno importante.

 

Stare in un gruppo spesso significa avere gli stessi valori o quantomeno condividerne alcuni di basilare importanza. Per questo fino alla completa maturazione, l’adolescente è soggetto a cambiamenti più o meno repentini del proprio modo di essere e di pensare. Il fatto stesso di frequentare ora un gruppo di amici ora un gruppo sportivo, porta ad una specie di mix di valori dentro al quale il giovane deve cercare di adattarsi per non venire emarginato dagli altri.

 

Capite bene che è molto importante riuscire a scoprire qual è l’esatta scala dei propri valori. E non è facile, giacché quasi sempre si vive in base a dei valori che sono del tutto inconsci. Spesso si agisce come in preda a degli automatismi del tutto incontrollabili, le nostre scelte di ogni giorno vengono fatte in relazione a quelli che sono i nostri valori. Se vi trovate ad inseguire fama e danaro a tutti i costi ma avete nella vostra gerarchia, il valore famiglia in prima posizione, è evidente che una volta raggiunto il successo e la gratificazione economica sottraendo tempo e attenzione alla vita famigliare, non potrete assaporare in pieno la gioia per aver centrato il vostro obiettivo avendo disatteso il primo valore della vostra scala.

 

Un esercizio divertente e molto utile è quello di prendere un foglio e dividerlo in due parti. Da una parte scrivete una serie di valori che ritenete essere importanti per voi, ad esempio: Lavoro, amicizia, amore, divertimento, sport etc. Una volta fatta una lista di almeno dieci valori, metteteli di volta in volta uno di fronte ad un altro e chiedetevi: “Tra lavoro e amicizia, cosa è più importante per me?” Andate avanti in questa maniera mettendo i valori uno contro l’altro e vedrete che alla fine avrete la vostra scala dei valori.

 

Una volta ottenuta la vostra gerarchia non dovete far altro che analizzare il vostro comportamento più o meno recente, in relazione ai vostri attuali principi organizzativi. Se qualcosa non va, c’è un conflitto di valori.

Buona vita. 

Felicità, occhio alla scala valori.ultima modifica: 2008-07-10T10:15:00+02:00da rickyapple
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento