Biologico, garanzie per il consumatore

agricolturabiologica.jpgIl nuovo anno ha portato con sé anche un nuovo regolamento per il settore del biologico. Mentre prima, sui prodotti bisognava apporre la dicitura “da agricoltura biologica”, dal primo gennaio di questo 2009, è possibile scrivere direttamente “biologico”. Non sarà un’anomalia quindi, leggere sulle varie confezioni di latte, confettura, miele e marmellata, tanto per fare un esempio, l’aggettivo “biologico” ben stampato sull’etichetta. Spariscono di contro, tutti i riferimenti al “bio”, usati e abusati. Adesso se un’azienda non produce alimenti biologici, deve accuratamente evitare ogni seppur minimo riferimento alla produzione di tipo biologico.

Altra importante novità, è rappresentata dalla percentuale di ingredienti da agricoltura bio, indispensabile per far sì che un prodotto possa esser ritenuto biologico. Questa percentuale è stata fissata al 95%. Il resto della composizione del prodotto è di regola riservata ad ingredienti il cui reperimento nel mercato bio è estremamente difficoltoso. Il nuovo regolamento, permette di specificare in etichetta, ingredienti bio anche nel caso in cui il prodotto in questione non rientri nella categoria biologica. Infine va ricordato che in produzione biologica, non possono essere impiegati Ogm.

 

Biologico, garanzie per il consumatoreultima modifica: 2009-01-28T09:05:00+01:00da rickyapple
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento