Lotus Eaters – The First Picture Of You

Una canzone anni ottanta, la grande musica anni ottanta, nostra inseparabile compagna di viaggio in questa estete 2008. Questo è un successo del 1984, una canzone che una cara amica mi ha suggerito. L’altro ieri sono passato da Giò, era dalla parrucchiera a finire di farsi bella, ho aspettato che finisse.  L’ultima volta che c’eravamo presi un caffé insieme era stato a febbraio mi pare. Dal freddo pungente dell’inverno al caldo asfissiante dell’estate. Proprio come fosse uno ‘slide’.

Quattro passi in giro per vicoletti vecchi e stretti della borghese città dell’Opera, dello Sferisterio, poi con la bionda figliola siamo approdati nella piazza obliqua. Piazza Mazzini. Pendente nella pavimentazione, come quasi mai si può vedere in giro per il mondo, ma non a Macerata. Qui si può eccome. Miracoli dell’architettura. Bilioni di anni fa, ci parcheggiavo la mia Scirocco in questa piazza, facevo una ripidissima serie di scale e spuntavo in un’altra piazza, da qui finivo da “Eraldo”, il fornitore ufficiale dei dischi mix d’importazione. Ore ed ore ad ascoltar pezzi, poi ne sceglievi una decina, pagavi e te ne andavi con la tua borsettina marrone, geloso come se dentro ci fossero i segreti della guerra fredda tra Stati uniti e l’ex U.S.S.R. Oggi questa piazza è il salotto di Macerata. Io e Giò, abbiamo fatto la circonferenza della piazza alla ricerca di un baretto all’ombra, alla fine siamo tornati al punto di partenza e ci siamo accomodati sotto i tipici ombrelloni estivi. Un paio di birre, una bionda una rossa, un po’ di olive nere, qualche nocciolina e dei pezzettini di “focaccetta con la mortadella” questa la definizione del simpatico ragazzo che ce l’ha portata. Piano piano gli ombrelloni si sono riempiti di avventori, è l’ora dell’aperitivo. Per noi, dopo chiacchiere varie è l’ora del percorso inverso, del ritorno.

 

 Lotus Eaters – The First Picture Of You

Lotus Eaters – The First Picture Of Youultima modifica: 2008-06-26T17:15:00+02:00da rickyapple
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento